Ti è mai capitato di dover presentare un documento in un paese diverso da quello in cui lo stesso è stato rilasciato? Se sì ti sarai già imbattuto nelle apostille.

In caso contrario o se vuoi scoprire di più sulle apostille, ti spieghiamo noi più nel dettaglio. Quando un documento deve essere utilizzato in un altro Paese, è necessario che questo venga “ufficializzato” per far sì che sia riconosciuto.

L’apostille non è altro quindi che uno speciale timbro che fa sì che il tuo documento sia valido.

Ma cosa significa?

 

Apostille significato

 

Il termine Apostille deriva dal latino a post illa, letteralmente dopo quelle cose, ripreso poi dai francesi apostille. Come abbiamo già detto è una certificazione per convalidare un atto pubblico da un Paese ad un altro.

L’apostille è nata con la Convenzione dell’Aja del 5 ottobre 1961, relativa all’abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri.

Prima della Convenzione per validare un atto in un paese straniero era necessario far certificare il documento presso quattro autorità diverse.

Ora, invece, è possibile ottenere la certificazione del documento con un singolo timbro.

Ma dove fare questo timbro?

 

Apostille dove si fa

 

Esistono due diversi organi che sono autorizzati ad applicare l’apostille, in base al tipo di documento:

 

 

Apostille esempio

 

Ma cerchiamo di spiegare meglio con un esempio!

I documenti che più spesso richiedono l’apostille sono quelli riguardanti i legami familiari come i certificati di nascita, di matrimonio, di adozione o gli atti di successione ereditaria, ma anche titoli di studio e bilanci aziendali.

Dunque se si ha bisogno di far valere un certificato di matrimonio in Italia e si vive in un Paese aderente alla Convenzione, allora non servirà recarsi in ambasciata, ma bensì basterà recarsi presso l’autorità interna di quello Stato per ottenere il timbro speciale.

 

Se hai bisogno anche tu di un’Apostille, puoi rivolgerti a noi Studio Associato Traduttori e Interpreti Dott.ssa Silva!