Traduzione giurata presso il tribunale a cosa serve

Una traduzione giurata, o traduzione asseverata, è una traduzione autenticata e resa ufficiale dal traduttore specialista dinnanzi ad un funzionario giudiziario tramite la compilazione e la sottoscrizione di un verbale di giuramento da parte dello stesso traduttore. Tale verbale di giuramento viene allegato permanentemente alla traduzione e viene a sua volta timbrato e firmato dal pubblico ufficiale, che la registra presso l’Ufficio Asseverazioni del tribunale. Per la sua qualità di atto prodotto presso un ente giudiziario, la traduzione giurata ha un vero e proprio valore legale. Viene richiesta solitamente per atti pubblici (certificati di nascita, morte, residenza, matrimonio, certificati penali, ecc.), per atti societari e scritture private come contratti, procure, atti notarili, documenti camerali, dichiarazioni, ecc., e spesso anche per documenti accademici e scolastici. Ma in cosa consiste esattamente una traduzione giurata e come si svolge? Vediamolo insieme che cos’è unaTraduzione giurata presso il tribunale come avviene e a cosa serve

Le caratteristiche di una traduzione giurata

Una traduzione giurata, come dice il nome stesso, è una traduzione certificata dinnanzi ad un ufficiale giudiziario, e per questo si differenzia da una traduzione semplice, perché comporta una responsabilità sulla sua accuratezza e correttezza da parte del traduttore che l’ha prodotta e sottoscritta. La traduzione giurata è una tipologia di traduzione il cui scopo è quello di mantenere il medesimo valore legale di un documento tradotto da una lingua ad un’altra per essere utilizzato in un paese straniero.

Per far sì che il suddetto sia valido, c’è altresì bisogno della presenza di un’attestazione del traduttore in merito alla veridicità del testo tradotto. La traduzione giurata è inoltre conosciuta come asseverazione.

1. Deve essere allegata permanentemente al documento in lingua originale.

La traduzione dovrà essere unita con la cucitrice al documento in lingua originale, che può essere in versione originale oppure in copia, a seconda del tipo di documento tradotto (se si tratta di un atto pubblico recante timbro di Apostille, dovrà essere necessariamente in originale).

2. Traduzione e documento devono essere allegati ad un verbale di giuramento.

Il verbale di giuramento viene fornito dall’Ufficio Asseverazioni o è scaricabile online sul sito del Tribunale, che il traduttore dovrà compilare con i suoi dati anagrafici (indicando anche un documento di identità valido) e successivamente firmare dinnanzi al funzionario giudiziario al momento della asseverazione.

3. Deve recare apposite marche da bollo.

Solitamente le marche da bollo necessarie sono una da 16€ per ogni 4 pagine di traduzione). A seconda della destinazione d’uso della traduzione giurata, sono previste delle esenzioni da imposta di bollo (per lavoro, per borsa di studio, previdenza sociale, per pratiche di adozione, divorzio, ecc).

4. Tutte le pagine di traduzione devono essere firmate dal traduttore

Le firme dovranno essere in congiunzione, a partire dalla congiunzione tra l’ultima pagina dell’originale e la prima pagina di traduzione. Per alcuni tribunali o consolati è sufficiente firmare (ed eventualmente timbrare) solo sulle pagine di traduzione (e non anche in congiunzione). L’importante è che tutte le pagine di traduzione rechino la firma o le iniziali del traduttore specialista che ha prodotto la traduzione.

Ovviamente le traduzioni giurate non riguardano solo il mondo del commercio tra vari paesi , si può parlare di traduzioni giurate anche di documenti scolastici (tipo laurea), atti di matrimonio o divorzio, libretti di circolazione, atti notarili, testamenti, casellari giudiziari e altro ancora. Il principio è lo stesso: consentire a chi riceve questo documento di avere una copia tradotta in lingua ma con il valore originale.

Traduzione giurata presso il tribunale come avviene e a cosa serve

Dal punto di vista pratico, per ottenere una traduzione giurata bisogna rivolgersi a un traduttore certificato – che quindi è iscritto all’albo e accreditato al tribunale – che si occuperà della traduzione e che poi farà giuramento di fronte a notaio o cancelliere.

Una volta che la traduzione è pronta per essere asseverata in base alle indicazioni suddette, il traduttore dovrà recarsi presso l’ufficio asseverazioni del tribunale di riferimento portando con sé lo stesso documento di identità che ha indicato sul verbale di giuramento (questo è importante, in quanto verrà chiesto dal funzionario giudiziario o del consolato di esibire tale documento al momento della registrazione) , ed attendere il suo turno (in alcuni tribunali la fila d’attesa può essere molto lunga). Nell’ufficio asseverazioni la procedura si completa passando dal funzionario giudiziario (cancelliere), che procede con l’asseverazione, e poi dall’assistente, che procede con la registrazione dell’atto. La firma del traduttore sul verbale dovrà essere apposta dinnanzi al funzionario giudiziario. La perizia o traduzione asseverata deve riportare nell’ultima pagina, prima del giuramento, la data in cui è stata redatta e la firma del perito o traduttore: la data va riportata anche sul modulo di giuramento. La documentazione depositata viene vagliata e timbrata dal cancelliereL’asseverazione (sinonimo di quest’ultima) oltre a occuparsi del testo riportato nella lingua del paese in questione, contempla un verbale di giuramento nel quale il professionista traduttore giura di aver riportato con accuratezza tutte le informazioni in lingua in modo conforme al testo (compreso di marche da bollo).

Nonostante questa sia la prassi ufficiale, a seconda del regolamento interno di ciascun tribunale, possono essere previste delle piccole differenze nelle procedure (es: calcolo del numero di marche da bollo, disposizione dell’ordine originale – traduzione – verbale, ecc.), per questo si consiglia sempre di informarsi presso l’ufficio asseverazioni del proprio tribunale di riferimento. Alcuni tribunali forniscono istruzioni dettagliate relative alla procedura di asseverazione online con marca da bollo o in formato cartaceo presso l’ufficio stesso.

Ricapitolando, una traduzione giurata , o traduzione asseverata, è una traduzione autenticata e resa ufficiale dal traduttore specialista dinnanzi ad un funzionario giudiziario tramite la compilazione e la sottoscrizione di un verbale di giuramento da parte dello stesso traduttore.

×

Ciao!
Fai click su uno dei nostri agenti sull'icona in basso per cominciare a chattare.

× Chatta Ora!