Traduzioni giurate ed asseverate

Ti sei mai chiesto come fare una traduzione giurata? Le traduzioni asseverate non sono altro che le traduzioni giurate in tribunale, d’innanzi a un ufficiale di stato civile, alla presenza di un traduttore ufficiale o d’innanzi a un Notaio pubblico, che ufficializzerà il giuramento. Scopriamo insieme la differenza tra le diverse tipologie di traduzione

Traduzione giurata o asseverata

Una traduzione giurata è una traduzione autenticata resa ufficiale da un verbale di giuramento, compilato e firmato dal traduttore professionista. Da non confondersi con la traduzione giuridica che rientra nel campo delle traduzioni tecnico-scientifiche.

Le traduzioni giurate o asseverate vengono ufficializzate attraverso il giuramento del traduttore che afferma, all’interno di un apposito dipartimento del Tribunale, di aver effettuato una traduzione fedele e corretta del testo presentato. Il traduttore si assume in questo modo la piena responsabilità di ciò che ha scritto, e ne risponde davanti alla legge nella persona del tribunale.

Il verbale di giuramento viene allegato alle traduzioni, timbrato, validato e registrato dal Pubblico Ufficiale (Cancelliere) presso l’ufficio Asseverazioni del Tribunale (o da un notaio o presso il consolato del paese di destinazione). Per la sua natura di atto prodotto da un organo giudiziario ha valore legale. Solitamente viene richiesta per documenti legali e societari, atti notarili e certificati pubblici, penali e accademici, al fine di certificarne la conformità al documento originale. L’atto è composto da tre parti: il documento originale, la traduzione ed il verbale di giuramento, il tutto firmato, timbrato e spillato insieme in modo da formare un unico fascicolo. Le traduzioni giurate vengono firmate o timbrate in congiunzione con l’originale, ovvero tra la pagina dell’originale e la prima pagina della traduzione. Per questa ragione, se viene separata dall’originale e dal verbale di giuramento perde il suo valore legale.

Il servizio di asseverazione è soggetto all’apposizione di imposte di bollo, il cui valore solitamente ammonta a 16€ per ogni 100 righe di traduzione.

Documenti che richiedono una traduzione giurata ed asseverata

Alcuni esempi di documenti che devono essere muniti di traduzione giurata con asseverazione:

  • certificato di nascita
  • certificato di stato libero
  • certificato di matrimonio
  • certificato di morte
  • certificato del casellario
  • certificato di carichi pendenti
  • certificato penale
  • sentenza di divorzio
  • atto legale
  • atto notarile
  • omologazioni titoli di studio
  • titoli di studio
  • documenti aziendali
  • contratti di agenzia
  • visura camerale
  • documenti per la cittadinanza

Traduzione certificata con CTA

Le traduzioni certificate, invece, sono accompagnate da una Certification of Translation Accuracy, ovvero da un certificato di accuratezza della traduzione emesso dallo stesso traduttore o agenzia di traduzioni, redatto solitamente nella lingua di arrivo e recante timbro, firma e dati del traduttore professionista. Il certificato di accuratezza certifica dunque la competenza linguistica del traduttore e la autenticità della traduzione.

La traduzione certificata con CTA si differenzia dalla traduzione giurata in quanto non è asseverata in tribunale e quindi non ha valore legale, e non richiede l’apposizione di imposte di bollo. In base alla natura dei documenti e alla loro destinazione, per alcuni uffici può non essere necessaria una traduzione giurata in tribunale, ma basta la certificazione di un traduttore ufficiale.

Come è fatta una traduzione giurata?

La traduzione giurata consiste in un fascicolo in formato cartaceo, composto dal documento originale, dalla traduzione, dal verbale di giuramento e da un’ulteriore legalizzazione dell’intero fascicolo (se la pratica è destinata all’estero). Il tutto costituirà un documento unico da presentare all’autorità richiedente.

Come fare una traduzione giurata ed asseverata

Basta rivolgersi a un traduttore ufficiale o a un’agenzia di traduzioni come la nostra che possa attestare che la traduzione è fedele e conforme all’originale. Noi possiamo aiutarti se non sai come fare.

Il documento per la traduzione va presentato in originale o copia conforme. È possibile ottenere una copia conforme del documento presso un notaio o presso un municipio.

Attenzione! Per essere valido per l’estero, il documento deve essere legalizzato: a seconda dell’ente che lo ha emesso, deve essere sottoposto alla Prefettura o alla Procura della Repubblica per la certificazione della traduzione che lo renderà valido per uso estero.

La nostra agenzia di traduzioni giurate è certificata e specializzata nel campo delle traduzioni asseverate, dette anche traduzione legali, sia per privati che per aziende.

×

Ciao!
Fai click su uno dei nostri agenti sull'icona in basso per cominciare a chattare.

× Chatta Ora!